Extra time decisivo: Lapietra sconfitta da Ragusa

Finisce 85-92 dopo un tempo supplementare. Carolillo: “Dobbiamo difendere molto meglio!”

Non sono bastati quaranta minuti per spezzare l’equilibrio tra Lapietra Action Now Monopoli e Virtus Kleb Ragusa. Decisivo il tempo supplementare, con Ragusa che gestisce meglio i cinque minuti extra e porta a casa la seconda vittoria in campionato. Per la Lapietra si tratta invece della seconda sconfitta consecutiva. Finisce 85-92, ma con tante recriminazioni per Monopoli che ha dilapidato un vantaggio di 14 punti maturato nel corso del primo tempo e, a 24 secondi dalla fine dei regolamentari, ha avuto la palla della vittoria con Vanni Laquintana che ha sbagliato il tiro della vittoria. Decisivi per i siciliani Sorrentino e Da Campo, proprio gli uomini più temuti alla vigilia. Nota positiva, il ritorno in campo del play Nunzio Sabbatino dopo un lungo infortunio alla mano. Assente Andrea Albertini per un piccolo intervento chirurgico di routine effettuato in settimana. La partita. Carolillo parte con Sabbatino, Vanni Laquintana, Lombardo, Annese e Visentin. Dopo un break iniziale di Ragusa (2-6), Monopoli entra in partita e passa per la prima volta in vantaggio con un canestro di Matteo Annese, e allunga ulteriormente al 7’ con V. Laquintana. Sabbatino e cinque punti consecutivi di Annese portano Monopoli a + 11 (24-11 al 9′). Il primo quarto si chiude sul 24-13. Al 12′ una tripla di M. Laquintana porta la Lapietra al massimo vantaggio della partita (30-15), un vantaggio che si consolida nel corso del secondo quarto tanto che al 16′ lo scarto è +14 (37-23). Ma, prima dell’intervallo lungo, i siciliani rientrano in partita con gli uomini più temuti, Da Campo e Sorrentino. Si va all’intervallo lungo con Monopoli in vantaggio di 6 (40-34). Nel terzo quarto comincia a regnale l’equilibrio, ma, intorno al 27’, cinque punti consecutivi di Torresi (due tiri liberi ed una tripla) sembrano reindirizzare nuovamente il match dalla parte casalinga. Con nove punti di svantaggio (54-45), Ragusa non molla a con due triple, una di Sorrentino, l’altra di Iannelli, si rifà sotto. Il terzo quarto si chiude sul 59-57. Meglio i siciliani all’inizio dell’ultimo quarto: al 34’ una tripla di Iannelli porta il punteggio sul 62-70. Partita finita? Assolutamente no, perché Monopoli si porta a -3 (69-72) al 36’ con una tripla di Lombardo che fa esplodere la Tensostruttura. L’aggancio arriva ad un minuto e venti dal termine con due liberi di Visentin (75-75). Il finale è al cardiopalma: Sabbatino da una parte, Picarelli e Sorrentino dall’altra sbagliano la tripla della possibile vittoria e, a 24 secondi dalla fine, Carolillo chiama timeout con possesso per Monopoli. Lo schema è quello di isolare Vanni Laquintana, ma la conclusione è forzata e si va dunque al supplementare. Nonostante Ragusa si ritrovi con ben tre giocatori usciti per cinque falli (Simon, Ianelli e Rotondo), l’inerzia è dalla parte siciliana. L’ultimo guizzo di Monopoli è con Annese dalla lunetta che impatta sul 79-79, ma Sorrentino e compagni allungano gradualmente ma inesorabilmente sino all’85-92 finale.

Il tabellino

Lapietra Monopoli – Virtus Kleb Ragusa 85-92 (24-13, 16-21, 19-23, 16-18, 10-17)

Lapietra Monopoli: Giovanni Laquintana 19 (5/16, 1/5), Matteo Annese 17 (5/8, 1/3), Vittorio Visentin 15 (4/8, 1/2), Andrea Lombardo 13 (1/6, 3/6), Nunzio Sabbatino 6 (2/8, 0/1), Mauro Torresi lelli 6 (0/2, 1/1), Michelangelo Laquintana 5 (1/2, 1/3), Jacopo Ragusa 4 (1/3, 0/0), Dario Notarangelo 0 (0/0, 0/0), Gaetano Muolo 0 (0/0, 0/0), Ivan Bellantuono 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 23 / 28 – Rimbalzi: 31 7 + 24 (Matteo Annese 13) – Assist: 8 (Vittorio Visentin 2)

Virtus Kleb Ragusa: Andrea Sorrentino 26 (1/5, 6/10), Mattia Da campo 25 (4/7, 5/7), Andrea Picarelli 13 (3/4, 0/5), Giovanni Ianelli 12 (1/5, 2/5), Paolo Rotondo 9 (4/9, 0/0), Roberto Chessari 4 (1/2, 0/3), Simon Ugochukwu andrew 3 (0/2, 1/2), Giorgio Canzonieri 0 (0/0, 0/0), Lucio Salafia 0 (0/0, 0/0), Vincenzo Festinese 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 22 / 28 – Rimbalzi: 35 4 + 31 (Giovanni Ianelli, Paolo Rotondo 9) – Assist: 14 (Giovanni Ianelli 8)

Le dichiarazioni di Sergio Carolillo:
Potevamo vincerla nell’ultima azione dei regolamentari, quando abbiamo provato a giocare in isolamento per Vanni, ma è chiaro che non si può ridurre tutto all’ultima azione. La verità che loro, soprattutto negli ultimi due quarti, hanno messo molta più energia di noi nell’attaccare gli uno contro uno. Noi abbiamo fatto tanta fatica in difesa, abbiamo beccato tanti punti e, in questi campionati, non puoi permetterti sempre di giocartela sui 90 punti. Dobbiamo registrare la difesa: non è questo che abbiamo preparato e così non va bene. C’è poco da dire: dobbiamo difendere molto di più di squadra, ma soprattutto molto di più individualmente. I 51 punti in due di Sorrentino e Da Campo ne sono la dimostrazione: sapevamo quali erano i loro punti di forza e che dovevamo difendere forte su di loro, ma è evidente che non ci siamo riusciti. Quando, a casa tua, dai loro migliori giocatori prendi più di 25 punti c’è qualcosa che non funziona. Sabbatino? È andata come poteva andare per uno che non gioca da 40 giorni. Gli manca il ritmo partita, ma siamo felici di averlo di nuovo con noi. Ora abbiamo due trasferte, dobbiamo provare a ribaltare subito il trend negativo domenica prossima contro il Forio basket. La strada è lunga e per quelli che sono i nostri obiettivi c’è tanto da lavorare. Dobbiamo essere positivi, nella testa prima di tutto!”