Non basta una grande rimonta per espugnare Salerno: prima sconfitta per la Lapietra

Foto repertorio della prima giornata di campionato

Un brutto inizio di partita manda i monopolitani sotto di 20, ma un parziale di 18-0 riapre il match. Finisce 78-72 per i padroni di casa

Lapietra Monopoli coraggiosa ma sfortunata. Nonostante un’epica rimonta a cavallo tra secondo e terzo quarto, la formazione monopolitana subisce a Salerno la prima sconfitta in campionato. Non basta un clamoroso parziale che riporta i ragazzi in partita in ragazzi di Carolillo e ad un passo dalla vittoria. Da ricordare le importanti assenze di Sabbatino e Albertini, due dei neoacquisti della Lapietra Action Now: per il play si deciderà in settimana su un suo eventuale impiego contro Ragusa, mentre Albertini, che si è sottoposto ad un intervento di routine programmato da tempo, rientrerà a Monopoli tra martedì e mercoledì e dovrebbe essere disponibile. La partita. Dopo un inizio nel complesso equilibrato, Salerno mette a segno il primo strappo della partita intorno al 7’, quando è un canestro di Rinaldi a portare il punteggio sul 21-12. Il primo quarto si conclude con un canestro di Romano (24-14). L’inizio del secondo quarto è tutto da dimenticare per la formazione di Carolillo: Torresi, Vanni e Mickey Laquintana perdono palla in attacco, dall’altra parte non perdonano Valentini, Bonaccorso e Mennella e Salerno va sul +16 (30-14). Vanni Laquintana interrompe il lungo parziale salernitano, ma le difficoltà non finiscono qui perché al 15’ una tripla di Coltro porta addirittura sul +20 i padroni di casa (40-20). Carolillo prova il tutto per tutto e passa alla difesa a zona: mossa che funziona, eccome se funziona! Monopoli comincia a difendere bene, a mandare in confusione gli avversari e soprattutto a fare punti. Per sette lunghi minuti la Lapietra non subisce canestri, e grazie ad un parziale di 18-0 si porta a -2 al 22’. Ora la partita è apertissima: Salerno approfitta di un paio di errori offensivi monopolitani e si riporta sul +8, ma una tripla di Mickey Laquintana riporta gli ospiti a -5. Altro break dei padroni di casa con Rinaldi da 3 e +11 (52-41), ma Monopoli non molla e con Lombardo al 29’ trova il canestro del -3. L’ultimo quarto inizia con Salerno in vantaggio di 5, ma gli ultimi dieci minuti iniziano benissimo per la Lapietra che piazza un break di 6-0 e con un canestro di M. Laquintana si porta addirittura in vantaggio. Al 34’ una tripla di Vanni Laquintana (alla fine saranno 30 per lui) consente a Monopoli di andare sul +2. Sul 61-63 Torresi sbaglia la tripla del potenziale +5, Salerno fa 5-0 e va sul +3. Vanni Laquintana, al 36’, trova la tripla del pareggio (66-66), ma nel finale, complice qualche scelta sbagliata, qualche palla persa e un po’ di sfortuna al tiro degli ospiti, Salerno piazza nuovamente il break decisivo e chiude sul 78-72. Monopoli esce a testa altissima, ma anche con qualche rimpianto perché ad un certo punto sembrava davvero che potesse portare a casa la vittoria. Sabato sera, sperando di recuperare almeno uno tra Sabbatino ed Albertini, terza giornata di campionato: nella tensostruttura arriva Ragusa.

Tabellino: Virtus Arechi Salerno – Lapietra Monopoli 78-72 (24-14, 40-32, 57-52, 78-72)

Virtus Arechi Salerno: Mattia Coltro 19 (3/5, 2/2), Niccolò Rinaldi 18 (2/2, 4/12), Antongiulio Bonaccorso 11 (3/4, 1/6), Marco Mennella 7 (3/6, 0/3), Andrea Valentini 6 (3/8, 0/1), Raffaele Romano 6 (3/3, 0/0), Leonardo Marini 4 (2/5, 0/0), Vladimir Rajacic 4 (0/0, 1/6), Luigi Cimminella 3 (0/2, 1/3), Marco felice Capocotta 0 (0/0, 0/0), Emanuele Caiazza 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 18 – Rimbalzi: 35 9 + 26 (Antongiulio Bonaccorso 8) – Assist: 20 (Marco Mennella 6)

Lapietra Monopoli: Giovanni Laquintana 30 (9/16, 2/11), Matteo Annese 14 (2/4, 1/3), Michelangelo Laquintana 8 (1/6, 2/5), Vittorio Visentin 7 (2/3, 1/1), Andrea Lombardo 5 (1/5, 1/3), Mauro Torresi lelli 4 (1/4, 0/5), Jacopo Ragusa 4 (1/1, 0/0), Nunzio Sabbatino 0 (0/0, 0/0), Dario Notarangelo 0 (0/0, 0/0), Gaetano Muolo 0 (0/0, 0/0), Ivan Bellantuono 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 17 / 19 – Rimbalzi: 42 13 + 29 (Matteo Annese 14) – Assist: 8 (Michelangelo Laquintana, Vittorio Visentin, Andrea Lombardo 2)

Le dichiarazioni di Sergio Carolillo:

Partita strana. Siamo partiti male, andando anche sotto di 20. Abbiamo rimesso in piedi il match grazie alla difesa a zona, chiudendo il secondo quarto sul -8. Poi siamo anche riusciti anche a portarci avanti sul +2 nell’ultimo quarto ma gli episodi non hanno girato bene: Torresi con i piedi per terra sbaglia il tiro del +5, successivamente abbiamo anche forzato una conclusione da tre punti dopo appena tre secondi che eravamo in attacco, ma nel complesso troppe palle perse, soprattutto nei primi venti minuti. Siamo riusciti a rientrare in partita grazie alla zona, e negli ultimi tre-quattro minuti ci ho creduto davvero ma, come detto, gli episodi sono stati sfavorevoli. Ma non possiamo neanche permetterci di partire così male ed essere costretti ad inseguire. A nostra parziale discolpa, abbiamo giocato con due uomini in meno: sono trascorsi due mesi da quando abbiamo iniziato la preparazione e, ad oggi, non abbiamo mai avuto la squadra al completo. Non è colpa di nessuno, gli infortuni fanno parte del gioco ma sono curioso di vedere la mia squadra quando tutti saranno disponibili e potrò permettermi rotazioni maggiori nell’arco dei quaranta minuti. Ora prepariamo al meglio il match di sabato contro Ragusa”.